Il Design Thinking come risorsa per il business

di Paola Lorenzi
Business & Life Coach

 

Il Design thinking è l’insieme dei processi cognitivi, strategici e pratici con il quale la progettazione di prodotti, edifici e macchinari è sviluppata da team di design creato.

Negli ultimi anni il concetto di Design thinking si è spostato verso l’innovazione di prodotti e servizi.

In quest’ottica il Design thinking si configura come modello progettuale volto alla risoluzione di problemi complessi attraverso visione e gestione creative.

Tale approccio è stato codificato attorno agli anni 2000 in California dall’Università di Stanford. È centrato sulle persone e si basa sull’abilità di integrare capacità analitiche con attitudini creative. Uscito dagli studi di design, sta permeando vari settori: in particolar modo la consulenza direzionale, la trasformazione digitale e la progettazione di software e interfacce.

Fatta questa doverosa premessa informativa, desidero soffermarmi sul valore innovativo di questa pratica.

Il Design Thinking è infatti prima di tutto un approccio Human Centered. Un approccio che mette l’utente e la risorsa umana al centro del processo di ideazione di una soluzione e lo fa utilizzando team multidisciplinari e altamente eterogenei composti da persone che provengono da ambiti diversi.

La Risorsa Umana come elemento centrale del Design Thinking

Il design thinking affinché possa raggiungere lo scopo di “innovazione” nel raggiungimento dell’obiettivo si focalizza infatti totalmente sul valore distintivo della risorsa umana e sulla sua capacità di agire sul pensiero creativo generato da un processo continuo di confrontazione di brainstorming, problem solving che consentono di fronteggiare l’empasse del problema, utilizzando per esempio, la strategia delle domande generative.

Il processo rappresenta solo la strada “maestra” ma i veri protagonisti, oltre che il cliente stesso, sono come descritto precedentemente i componenti del team, preposti al progetto, che in ogni momento hanno la responsabilità, autonomia le competenze per esplorare tutte le possibilità esistenti e permettersi quindi una condizione di “confini espansi” nella visione comune della risoluzione.

La creatività con questo approccio all’innovazione accelera e si sviluppa verso soluzioni nemmeno possibilmente immaginate in fase iniziale. Ed è qui che si gioca la partita vera, quella in cui vengono espresse le innumerevoli capacità umane, in un clima di inclusione eterogenea di pensiero divergente. Ecco quindi la rinnovata necessità di ritornare al concetto di valore umano come unico vero salvagente che consente di unire non solo il pensiero cognitivo bensì un impronta distintiva del “cuore” rappresentato dall’intelligenza emotiva umana come motore VITALE nel presente e futuro DIGITALE.

Ecco perché il Design Thinking sta diventando un approccio fondamentale nel nuovo mondo digitale.

La trasformazione digitale, del resto, è pervasiva.

E non impatta solo il settore dei prodotti e quello dei servizi più noti, ma rende necessario un ripensamento radicale dei processi e delle strutture organizzative con cui tali prodotti e servizi sono progettati, realizzati e distribuiti. Da qui il crescente interesse verso il Design Thinking. Un approccio che parte da un cambio di prospettiva rispetto al passato, in termini di mentalità, processi e strumenti.

Vuoi scoprire come il COACHING PUO’ MIGLIORARE IL TUO PROGETTO E-LEARNING?

Scrivici!

TI AIUTEREMO A FAR CRESCERE LE TUE PERFORMANCE
Facilitiamo il tuo lavoro con gli strumenti e le tecnologie web più aggiornate e convenienti grazie all’eccellenza professionale del nostro team.